LA TUA OPINIONE

Cosa ne pensate del progetto NUME?
Ci riferiamo non solo al progetto nel suo insieme, ma anche alle singole attività, ai progetti sviluppati, alle modalità di interazione col pubblico e suo coinvolgimento, ai risultati conseguiti fino a questo momento e alle possibili prospettive future.

Vogliamo arricchire l’esperienza degli utenti dando la possibilità di leggere le opinioni di chi ci segue nel nostro percorso lavorativo.

Scrivete qui sotto le vostre recensioni, prendendo in esame singoli aspetti della nostra attività o valutando il progetto in generale. Le recensioni più belle – e soprattutto utili per gli altri utenti – saranno pubblicate sul nostro sito web (previo consenso dell’autore).

NB: prima di inviare la recensione, assicurarsi di aver inserito il proprio nome per esteso (ad esempio “Mario Rossi”, e non “M. Rossi” o “Mario R.”). Recensioni anonime o con nickname non saranno prese in considerazione.

17 Commenti

  1. Fabiana

    Bellissimo progetto, sono una laureanda in Musicologia, specializzanda in Medioevo, paleografia e codicologia. Vi seguo, mi iscriverò perché pubblicate e organizzate studi, conferenze e attività scientificamente valide.

    Rispondi
    • Redazione

      Gentile Fabiana, grazie per il suo feedback e per la sua iscrizione. Speriamo avrà sempre modo di apprezzare il nostro lavoro

      Rispondi
  2. Marco

    Progetto fantastico, vi seguo fin dall’inizio e continuerò a farlo, perché unite la tradizione italiana dell’associazionismo ai nuovi strumenti delle digital humanities e alla cultura anglosassone della public history. Continuate così

    Rispondi
    • Redazione

      Caro Marco, grazie per il tuo prezioso contributo

      Rispondi
  3. Andrea Rivalta

    E’ molto interessante

    Rispondi
  4. Andrea Giani

    Trovo che il progetto NUME sia ben pensato (per questo ho deciso di farne parte), aperto, dinamico eppure affatto dilettantesco o improvvisato. Credo abbia tutte le carte per diventare qualcosa di davvero importante nei prossimi anni. I miei auguri!

    Rispondi
  5. Mirella Cerusco

    Intendo partecipare al IV Ciclo di Studi Medievali. Ho assistito ai lavori del II, e ho perso il III, ma mi sembra che l’evento stia diventando un punto di riferimento sempre più importante per i giovani ricercatori: mi piace l’idea, anche se un po’ azzardata, di non dare un tema, e di far interagire le diverse discipline in un momento di scambio e confronto. Come ho detto, può essere pericoloso, ma se gestito con intelligenza, questo convegno potrà soltanto crescere nel tempo. Un saluto e ci vediamo a giugno

    Rispondi
    • Redazione

      Cara Mirella, grazie per il tuo feedback.

      Rispondi
  6. Mauro Rovellano

    Posso solo dire… continuate così, perché l’idea è molto buona e, in quest’era di tecnologie usate e spesso abusate, progetti come questo potranno solo crescere ed imporsi, collettando esperienze, professioni, competenze. Bravi!

    Rispondi
  7. Chiara Leonelli

    Trovo il progetto molto valido. Mi piace il fatto che si voglia esplorare ed indagare la latinità del Medioevo nelle sue varie sfaccettature (storia, arte, codici..) tenendo presente fonti e studi e dando anche la possibilità di prendere parte a dibattiti o seminari. Sono convinta che sia importante cercare di dare la giusta luce ad un’epoca storica che molto spesso è rimasta relegata ai soli specialisti ma che,oltre ad avere un fascino senza pari, ha certamente ancora molto da offrire.

    Rispondi
  8. Alberto Liborio

    NUME è una delle iniziative più interessanti nel panorama attuale della medievistica italiana. Il suo orientamento interdisciplinare, chiaro fin dalle origini, ha incontrato l’esigenza di confrontarsi, aprirsi, discutere sui temi, che è propria dei più giovani (che sono poi il sale della ricerca, come diceva Mantovani), senza nulla delegare all’improvvisazione e senza restare impantanati nello sterile accademismo.
    Con qualche anno in più e qualche capello in meno, posso solo seguire con interesse il vostro lavoro, ed auspicare che possiate crescere avendo il giusto riconoscimento istituzionale. I miei saluti,

    Alberto Liborio

    Rispondi
    • Redazione

      Grazie professore per la sua bella e preziosa recensione, un caro saluto

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.