Visite mensili sul sito

Followers

Newsletter

Soci

NUME (NUovo MEdioevo), Gruppo di Ricerca sul Medioevo Latino, nasce a Firenze nel 2015 con l’obiettivo di accrescere, promuovere e diffondere la conoscenza del patrimonio culturale medievale, in tutte le sue declinazioni, con particolare attenzione all’area europea occidentale. A questo scopo, in collaborazione con istituzioni pubbliche e private,  con professionisti e studiosi in Italia ed Europa, pubblica articoli scientifici di settore, organizza periodicamente convegni dedicati, porta avanti progetti interdisciplinari, cura la pubblicazione di collane scientifiche, fornisce supporto e servizi alla ricerca.

Il nostro logo è un’elaborazione grafica della formella esagonale raffigurante Gionitus inventore dell’Astronomia, realizzata da un
collaboratore anonimo di Andrea Pisano tra il 1334 e il 1336 per il Campanile di Santa Maria del Fiore a Firenze, e conservata oggi al Museo dell’Opera del Duomo.

La formella richiama immediatamente il nostro radicamento sul territorio: Firenze è la città nella quale operiamo e dalla quale il nostro lavoro si irradia.

Gionito, che scruta il cielo servendosi di un quadrante e di un globo celeste, diventa metafora di una ricerca continua, dell’indagine su quella civiltà medievale che è il fulcro del nostro interesse.

Nella cornice in alto è stato inserito il motto latino Per aspera sic itur ad astra, riconducibile a Cicerone (De natura deorum, III, 40), per ricordare che solo attraverso il duro lavoro (nella ricerca, come nella vita) è possibile raggiungere i risultati che ci siamo prefissati.

Come riportato all’art. 3 del nostro Statuto, le finalità che perseguiamo sono specificabili in:

– ricerca scientifica;
– documentazione;
– organizzazione e gestione di eventi a carattere scientifico (incontri, conferenze, congressi nazionali e internazionali, esposizioni, concorsi e quant’altro connesso e relativo);
– divulgazione scientifica e didattica;
– alta formazione professionale;
– consulenza scientifica;
– creazione, produzione, stampa, distribuzione e commercializzazione, anche su piattaforme digitali, di volumi e periodici;
– sviluppo di progetti digitali;
– implementazione di repository digitali e/o fisici;
– creazione e gestione di siti web dedicati;
– attivazione di collaborazioni con enti pubblici e privati, nonchè persone fisiche e con qualsiasi altro soggetto che si ponga scopi di natura uguale o simile;
– reperimento di finaziamenti alla ricerca e servizio di supporto logistico-gestionale in ogni modo convenuto con qualsiasi soggetto che si ponga scopi di natura uguale o simile;
– ogni altra attività ritenuta coerente con gli scopi dell’Associazione.

I nostri followers

nel mondo.

Dati emersi dalla combinazione degli analytics di Facebook ed Academia ed aggiornati a maggio 2018.

Dicono di noi

NUME è una delle iniziative più interessanti nel panorama attuale della medievistica italiana. Il suo orientamento interdisciplinare, chiaro fin dalle origini, ha incontrato l’esigenza di confrontarsi, aprirsi, discutere sui temi, che è propria dei più giovani (che sono poi il sale della ricerca, come diceva Mantovani), senza nulla delegare all’improvvisazione e senza restare impantanati nello sterile accademismo.

Alberto Liborio

Grandioso!

Ligeia Tenan

Vi seguo, mi iscriverò perché pubblicate e organizzate studi, conferenze e attività scientificamente valide.

Fabiana Baudo

Trovo il progetto molto valido. Mi piace il fatto che si voglia esplorare ed indagare la latinità del Medioevo nelle sue varie sfaccettature (storia, arte, codici..) tenendo presente fonti e studi e dando anche la possibilità di prendere parte a dibattiti o seminari. Sono convinta che sia importante cercare di dare la giusta luce ad un’epoca storica che molto spesso è rimasta relegata ai soli specialisti ma che, oltre ad avere un fascino senza pari, ha certamente ancora molto da offrire.

Chiara Leonelli

Trovo che il progetto NUME sia ben pensato (per questo ho deciso di farne parte), aperto, dinamico eppure affatto dilettantesco o improvvisato. Credo abbia tutte le carte per diventare qualcosa di davvero importante nei prossimi anni.

Andrea Giani

Progetto fantastico, vi seguo fin dall’inizio e continuerò a farlo, perché unite la tradizione italiana dell’associazionismo ai nuovi strumenti delle digital humanities e alla cultura anglosassone della
public history.

Marco

Ti servono altre informazioni?
Mettiti in contatto con noi.

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.