Nell’ambito della manifestazione Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017, il Gruppo NUME propone l’incontro “Divina Grazia”: in una cornice irripetibile, la chiesa di San Bartolomeo in Pantano, due giovani studiosi illustrano alcune tematiche della scultura pistoiese tra XII e XIII secolo.

“Pistoia diventa, nel corso del XIII secolo, uno dei contesti più importanti per la storia della scultura gotica italiana: le sue chiese romaniche sono investite da una serie di lavori scultorei in cui dominano dapprima le figure, ancora problematiche, dei Bigarelli, e poi, dal 1270, l’ambiente che ruota intorno alle grandi figure di Nicola Pisano e Giovanni Pisano.

Alcuni dei massimi protagonisti della scultura centro italiana del Duecento, quindi, lasciano a Pistoia alcune tra le opere più importanti del loro percorso artistico.

La successione Bigarelli-Pisano a Pistoia diventa fondamentale perché mostra i modi e gli sviluppi, spesso problematici (si pensi al dibattito su Guido Bigarelli), della scultura gotica in Italia: a conferma, così, della centralità inaggirabile del contesto artistico pistoiese per la storia artistica del Basso Medioevo in Toscana.”

(Mario Cobuzzi)

 

Introduzione di Roberto Del Monte

Mario Cobuzzi

Pistoia, un osservatorio privilegiato per il percorso della scultura gotica italiana. Da Guido Bigarelli a Giovanni Pisano

Anna Sgarrella

San Bartolomeo in Pantano: un ciclo scultoreo poco noto della Pistoia medievale

Fotografia del manifesto di © Antonio Quattrone 2016

22 Agosto 2017
ore 18.00, presso la chiesa di San Bartolomeo in Pantano
(piazza San Bartolomeo, Pistoia)

Ingresso gratuito

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Pin It on Pinterest