Oggetto: “Conservazione e sviluppo delle conoscenze geometriche durante il Medioevo: il ruolo della Geometria Pratica”

Segnalato da: Emanuele Gallotta

Categoria: Conference

II CICLO DI INCONTRI CON L’ARCHITETTURA DEL MEDIOEVO (2018)
a cura di Guglielmo Villa
segreteria organizzativa Emanuele Gallotta

18 ottobre 2018

Conferenza di Carlo Bianchini (Professore ordinario di Rilievo dell’architettura, Direttore del Dipartimento di Storia, Disegno e Restauro dell’Architettura) Roma, Facoltà di Architettura – Aula magna, Piazza Borghese 9

Molti sono gli studiosi che, in ogni tempo, hanno rivolto la propria attenzione alla geometria medievale; unico tuttavia il loro punto di vista, quello del matematico. Questa impostazione non appare però in grado di mettere in evidenza il valore analogico e simbolico che costituisce la ricchezza e forsanche la bellezza di alcune geometrie medievali, né tanto meno di chiarire se, in che misura e in quali campi tali geometrie, a volte definite pratiche quasi in dispregio, trovassero riscontri nelle attività concrete degli artifices. Un esempio paradigmatico di questo processo si può ritrovare esaminando il complesso teorico e tecnico riguardante le procedure di rilevamento. Esse, infatti, a dispetto della crisi seguita al crollo dell’Impero Romano, continuano a progredire in maniera non trascurabile durante tutto il Medioevo, sia da un punto di vista tecnico, grazie alla messa a punto di nuovi strumenti e al perfezionamento di quelli già conosciuti, che dal punto di vista teorico, in virtù del supporto fornito dai numerosi trattati di Geometria Pratica che a volte si configurano quasi come veri e propri manuali operativi. L’analisi puntuale delle opere e degli autori medievali conduce in effetti a trarre alcune interessanti conclusioni riguardo all’evoluzione della Geometria stessa in epoca medievale e al ruolo che la sua versione più operativa, la Geometria Pratica, rivestiva nella soluzione di alcuni problemi cruciali per l’agrimensura, la topografia, la tecnica militare e l’architettura. Questa impostazione porta a una lettura inusuale del celeberrimo Livre de Portraiture di Villard de Honnecourt, nel quale si ritrovano molte costruzioni e procedimenti utili all’architetto/costruttore del tempo.

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Pin It on Pinterest